La nostra Mission - COMUNICAZIONE CRISTALLINA, cristalloterapia dell'Anima

Vai ai contenuti
INTENTO DI COMCRI
LA NOSTRA MISSION

Ish Gisella Cannarsa nel maggio 1995 ha fondato in Sardegna la "Scuola Italiana di Cristalloterapia", il cui impegno era di informazione e condivisione dei concetti più consueti della mineralogia e della cristalloterapia, correggendo alcuni errori comuni.
Nell'aprile 2003 è avvenuta la trasformazione in "Comunicazione Cristallina - scuola italiana di cristalloterapia", che ha segnato il passaggio ad un linguaggio più coerente con l'idea di "percorso evolutivo" attraverso il Primo Regno.
Il nome Comunicazione Cristallina intende due significati:
- il primo è quello di imparare a comunicare con il mondo minerale, comprendere i messaggi rappresentati da pietre e cristalli;
- il secondo è quello di imparare a comunicare con gli altri in modo cristallino, ovvero limpido, pulito, privo di qualsiasi tentativo di dominare (ingannare) gli altri,

Comunicazione Cristallina, nei suoi corsi, si è sempre impegnata a:
- riconoscere e rispettare le differenze sostanziali tra il Primo Regno (minerale) e il Quarto (umano),
- scoprire la struttura energetica di cui siamo fatti, le sue funzioni, così da comprendere SE, PERCHE' e COME agire, nel rispetto dell'individuo,
- motivare le incongruenze della maggior parte delle informazioni che circolano sulla cristalloterapia,
- trasformare l'approccio alla cristalloterapia da un rituale pseudomagico, pregno di superstizione, incoerenza e manipolazione, ad un percorso di messa a nudo della "personalità", e di avvicinamento al concetto di "Anima", ricco di rispetto per la parte più divina, in noi e negli altri.
Nelle informazioni considerate da COMCRI, quindi, vi è indipendenza da modelli convenzionali di considerazione e pratica della cristalloterapia, diffusi in Internet e su molti libri.
Per questo la FORMAZIONE PROFESSIONALE, così come ogni ATTIVITA' AMATORIALE, con noi, sono  "percorsi", in cui si sgretolano alcune convinzioni e si attua una ulteriore connessione con realtà un po' differenti dall'apparenza.
Vogliamo che l'approccio, nello studio e nella pratica, stimoli, prima di tutto, la connessione con il proprio intuito (e non l'istinto).

Perché questa scuola  è diversa dalle altre?
Ish dice:
"Mentre assistiamo - tra cristalloterapeuti e mineralogisti - alla stessa diatriba che divide astrologi e astronomi, voglio portare la mia esperienza/visione/percezione del Primo Regno, affinché si possa comprendere che i minerali non sono e non possono essere monopolio di una scienza che rinnega ciò su cui si basa (l'energia degli atomi), ma che non sono nemmeno oggetti a cui attribuire caratteristiche umane: smettiamola di antropomorfizzare tutto!
Le differenze tra ogni Regno (quindi anche quello vegetale e animale) ci sono, sono fondamentali, vanno comprese e rispettate. Solo così possiamo meglio applicarci nel percorso evolutivo intrapreso con l'incarnazione.
La cristalloterapia che insegno da tanti anni non attribuisce ai minerali poteri risolutivi (la guarigione di se stessi è compito che richiede ad ogni essere umano buona volontà e impegno, non sostituti), ma riconosce in ogni forma cristallina la preziosità del lavoro dei Deva che, rispondendo ad un impulso divino, hanno creato milioni di strutture in grado di muovere l'energia di chi sappia riconoscerne le caratteristiche e risuonare con esse.
I cristalli quindi sono da intendersi come diapason, ogni cui nota (o combinazione di queste), si basa sulla nota fondamentale della sostanza stessa.
Il Primo Regno ci insegna le preziose funzioni dell'irradiazione e della trasmutazione: se veramente vogliamo cambiare qualcosa, dobbiamo comprendere che oggi siamo chiamati più che mai ad imparare a lavorare su noi stessi, per collaborare alla creazione di realtà adatte alla Comunità che abita il Pianeta e l'Universo. Dobbiamo imparare a spostarci dall'essere accentratori e conservatori (di una tradizione imposta), ad essere Cittadini della Terra, rispettosi della preziosità di ognuno, gioiosi delle molteplici diversità, che costituiscono il Tutto, l'Uno..
E i cristalli, in questo, possono darci una mano, proprio insegnandoci a gestire eticamente il potere della propagazione energetica e dell'effetto trasformante dell'energia stessa".

Il percorso proposto a chi intraprende i corsi con noi, è un viaggio nella consapevolezza delle illusioni, degli "strati" emotivi e mentali che separano l'Essere Umano dal suo vero Sé, quella parte divina che si chiama Anima, Sé Superiore, Angelo Solare...: un cammino che non offre finte soluzioni, ma opportunità di rivisitazione dei "film" interiori, di accrescimento della volontà e dell'impegno nella guarigione, e non nella cura.

Per questo motivo è un percorso che riguarda quanti - mossi non solo dall'attrazione per i cristalli - sentono di poter dare il loro tributo come Operatori del Benessere, ma hanno già sviluppato, forse inconsapevolmente, il bisogno di aprirsi a un viaggio interiore meno superficiale, meno misterioso, certamente scevro da dubbie cornici rituali, affascinanti quanto devianti.

Un percorso sicuramente più impegnativo della lettura di un manuale di ricettine miracolose, ma rispettoso della complessità e unicità umana, stimolante.
Sette Raggi
Pietre e cristalli sono catalizzatori di processi interiori individuali: quello che avviene è determinato dalla disponibilità della persona a comprendere e modificare alcuni aspetti. Nulla avviene per forza, nulla avviene per caso.
Tale disponibilità è diversa da individuo a individuo, per via della sua effettiva realtà energetica: lo stadio evolutivo, i Raggi che costituiscono le sue peculiarità e tendenze, le influenze astrologiche, e quindi della soggettiva capacità di elaborazione di ogni esperienza vissuta, di ogni pensiero generato, di ogni abitudine collezionata.

Non si può continuare a perpetrare  l'errore di paragonare un cristallo ad un farmaco o a un talismano, relegando ad esso la responsabilità del proprio equilibrio, eppure questa visione è la cristalloterapia che piace a molti, perché illude di fare qualcosa.
Questo rende il nostro percorso ben lontano da una terapia medica, da una psicoterapia, da una analisi psicologica, e si dissocia dai settarismi religiosi e dalle pratiche che affossano i cristalli nel ruolo di protettori salvifici.
Certamente il riferimento alla "terapia", insito nel nome  "cristalloterapia", è motivo di malinteso ed abuso, per alcuni, ma è  difficile sostituire questo  retaggio linguistico con un vocabolo tanto  armonico quanto inequivocabile. Risolviamo qualcosa con  "Cristallologia", per esempio? Non credo, e forse rischiamo di allontanarla ancora di più da noi, mentre la lingua rotola e rimbalza contro il palato, nella ricerca esasperata di virtuosismi lessicali.
Ecco perché è meglio continuare  a chiamarla  "cristalloterapia", appunto, ma non "medicina alternativa": casomai  "disciplina di complemento e sinergia".

Allo stesso modo il nostro percorso non ha nulla a che fare con i commerciali trattamenti, pseudo-cristallini, proposti nei centri di estetica, in cui, per competenza regolamentata - e per ovvio valore lessicale - l'unica attività legale deve essere quella dedicata all'esteriorità fisica.
La Cristalloterapia in cui crediamo  si pone come mezzo di piacere e di svago, per alcuni, di stimolo per  altri, di relax per molti. L'approccio che proponiamo è guidato dal  rispetto delle caratteristiche chimico fisiche dei minerali, e pone attenzione alle teorie sulla risonanza e i suoi effetti. Inoltre non dimentichiamo mai che, rivolgendoci alla umana complessità energetica, occorre avere un po' di cultura dell'Anatomia Sottile, evitando di "aprire chakra".

Non ci interessa che la Cristalloterapia venga riconosciuta ed  assimilata tra le pratiche sanitarie, né che qualche improvvisato uni/certificatore ci valuti, a caro prezzo, con la presunzione di saperne più di noi.

Vogliamo che i cristalli rimangano patrimonio collettivo ed occasione libera, individuale, di armonia.
Nessun sintomo, nessuna confessione, nessun monopolio. Ci occupiamo di noi stessi e della bellezza interiore, lasciando ad altri  l'ossessione del protagonismo, del dogma e del potere.
            
L'intento di  Comunicazione Cristallina non è "convincere" chi non crede  nell'influenza cristallina (e che spesso si riempie il portafoglio o l'orgoglio, grazie a questa disciplina, che deride e offende, ma di cui sfrutta l'onda per riempire le mostre mineralogiche), ma dare spazio a chi sia già interiormente convinto, dando forma ai concetti percepiti, aiutando a correggere eventuali interpretazioni, liberando la Cristalloterapia dalle  brutture del vecchio paradigma.
L'Operatore in Cristalloterapia  è - secondo la  visione e preparazione professionale che diamo - una figura  che vive con naturalezza, e insegna a percepire e sfruttare le vibrazioni cristalline, senza cadere in performance occulto-pseudomagiche, conversazioni medianiche e diagnosi karmiche di dubbio gusto, dal momento che  crediamo veramente  che tutto sia energia e che tutti creiamo, con il pensiero, la nostra  realtà.

Noi abbiamo un  codice deontologico, affinché il rapporto con chi si rivolge ai nostri diplomati sia sostenuto da  un'etica comune, nel rispetto della sensibilità delle persone e della  professionalità.
           
Da anni la scuola è punto di  incontro e mediazione, tra l'insensato fanatismo del movimento New Age, e il rigido  pragmatismo della scienza di vecchio stampo. Siamo molto soddisfatti del  dialogo in atto con alcuni, basato sulla volontà e disponibilità  comuni ad ascoltare, a provare, a riflettere, a modificare o correggere  ed attualizzare pensiero e azione.
Auspichiamo quindi che ognuno  impari bene il suo mestiere: come Ish non si spaccia per estetista o  shiatsuka, vogliamo credere  che il buon senso porti tutti, al più  presto, all'onestà di non proporre quanto non si è studiato adeguatamente, anche se alletta la fame di notorietà e, ahimé, di denaro facile (motivo per cui la Rete pullula di "corsi online" e "corsi contenitore" che di etico e professionalmente valido non hanno niente).
           
Crediamo profondamente nella  necessità di una corretta  informazione, purtroppo spesso mediata da  paure soggettive, piuttosto che oggettive, ed interessi definiti, che  alimentano i pregiudizi: Comunicazione Cristallina continua a fare, in  Italia, la sua parte, comunque, e voi con noi.
           



Un grazie per il tempo che avete dedicato a leggere questa pagina, da parte di Ish e di tutti i collaboratori e studenti.  
Comunicazione Cristallina - Bolzano
Sede, solo su appuntamento
Bolzano, Via Napoli 2a
Sede scolastica
Bolzano, Via B. Buozzi 18

CONTATTI
Info generali: info@comunicazionecristallina.org
Info amministrative: dharma.formazione@gmail.com
Segreteria (lu-ma-gi-ve)  9-12/15-17- mercoledi: no
cell. 347.4215722 - no whatsapp

Torna ai contenuti